Rosai: ecco come proteggerli dal freddo

Rosai: ecco come proteggerli dal freddo

|
Andreas STIHL S.p.A.

Durante i mesi freddi, i rosai sono in riposo, salvo qualche raro fiore che ancora tra novembre e dicembre tenta timidamente di sbocciare su alcune varietà, come ad esempio sulla rosa denominata non a caso «Iceberg» (vedi foto qui sotto): sono piccoli regali che ci mostrano come le rose non siano completamente addormentate.

Arbusti di rosa Iceberg

Gli arbusti della rosa «Iceberg» continuano a regalare qualche fiore anche quando sono iniziati i primi freddi

Quasi tutti i rosai sono comunque molto resistenti al freddo, tant’è che alcune varietà vivono e fioriscono egregiamente anche in alta montagna.

Nelle zone in cui il gelo permane per parecchie settimane, occorre:

– riparare il punto d’innesto accostandogli un mucchietto di terra che andrà poi rimosso a primavera;

– nei rosai ad alberello rivestire il fusto con paglia sino alla biforcazione dei rami.

In caso di forti nevicate scuoti la neve:

– dai rami dei rosai rampicanti (soprattutto se allevati «a pergola», per evitare che si spezzino sotto
il peso della neve),

– anche dai rosai allevati «a vaso», perché il peso della neve potrebbe spingere verso l’esterno i rami, spaccandoli alla base.

Per i rosai coltivati in vaso

Anche i rosai coltivati in vaso vanno preparati accuratamente a sopportare i rigori invernali, stendendo uno strato pacciamante, dello spessore di circa 3-4 centimetri, sulla superficie del terreno.

Se hai la possibilità:

– proteggi dal freddo le radici avvolgendo i vasi con stuoie o materiali simili (vedi disegno 1),

– oppure interra i vasi in piena terra (vedi disegno 2).

Stuoia di paglia Vaso interrato

Ecco due metodi per

riparare dal gelo i rosai allevati in vaso:

Disegno 1:

– rivesti il vaso con una stuoia in paglia, facendo in modo che superi di qualche centimetro il bordo;

– ricopri il terriccio attorno al fusto del rosaio con uno strato di compost misto a letame maturo dello spessore di circa 3-4 centimetri;

– mantieni sollevato il vaso dal pavimento servendoti per esempio di alcune assicelle di legno (1).

Disegno 2:

– interra per 3/4 il vaso,

– ricopri il terriccio attorno al fusto con uno strato di compost misto a letame maturo dello spessore di circa 3-4 centimetri (2).”